Ballare Tango è come meditare

Associazione TangoVivir Maestri Umberto e Nadia
Ballare Tango è come meditare
 
Per anni, le culture di tutto il mondo hanno utilizzato la meditazione per calmare il cervello e per trasformare gli stati mentali non psicologicamente vantaggiosi.
Oggi è diventato evidente che il tango argentino, può portare agli stessi stati mentali sperimentati da persone che meditano regolarmente. Più esperto è il ballerino di Tango, più è probabile che riesca a entrare in questo stato meditativo a livelli più profondi.
Un esperimento, presentato dalla US National Library of Medicine, ha esaminato se il Tango Argentino è efficace come la meditazione nel ridurre i sintomi di stress, ansia e depressione.
La meditazione consapevole si riferisce alla meditazione in cui si è consapevoli che si sta meditando, in contrasto con i vari tipi di meditazione che comportano l’entrare in una trance o uno stato simile al sonno.
 Per l’esperimento, 97 persone affette da depressione, sono stati assegnati in modo casuale a una classe di Tango, un corso di meditazione, o nessuno dei due (per formare un gruppo di controllo).
La conclusione è stata che sia la meditazione e il Tango potrebbero essere utilizzati in modo efficace come i trattamenti complementari di depressione e per la gestione dello stress.
Uno studio condotto presso il Collegio di Santa Maria della California ha analizzato il concetto con un ulteriore passo avanti misurando l’attività cerebrale di ballerini con un elettroencefalografo (EEG).
Questo studio ha rilevato che i ballerini di Tango hanno una focalizzazione interna e di attenzione più o meno uguali a chi pratica la meditazione mindfulness. Inoltre, meditando, una persona potrebbe non solo ridurre i livelli di stress, ma anche di aumentare le capacità cognitive.
Quando la mente si rilassa, il cervello entra in uno stato di maggiore attività di onde alfa. Queste onde appaiono prima di dormire e durante la meditazione.
Riassumendo: lo studio ha dimostrato che ballerini di Tango con più esperienza nel Tango hanno mostrato un più potente stato alfa rispetto agli altri gruppi di soggetti. Anche se ogni gruppo ha mostrato uno stato alfa, i ballerini di Tango con esperienza avranno bisogno di minori risorse mentali per praticare la stessa attività.
Quindi più si pratica Tango, più si è in grado di entrare in questi stati di rilassamento. Con la pratica e una maggiore esperienza di ballo si avrà accesso sempre maggiore a livelli più profondi di relax.
TANGO Vivir - ARGENTINO utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento